Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 27449 - pubb. 08/06/2022

L’illecito utilizzo da parte di terzi delle credenziali identificative del contraente e la conseguente nullità del contratto stipulato per violenza fisica (definibile quasi 'virtuale')

Tribunale Treviso, 23 Maggio 2022. Est. Barbazza.


Illecita intrusione di terzi nel sistema informatico altrui – Nullità – Violenza fisica – Contratto – Accordo delle parti – Volontà interna – Dichiarazione esterna



La conclusione da parte di terzi di un contratto mediante l’illecita intrusione nel sistema informatico di un soggetto e l’utilizzo delle sue credenziali identificative non determina l’inesistenza del negozio giuridico stipulato quanto piuttosto la nullità dello stesso per mancanza dell’elemento essenziale dell’accordo tra le parti.

Tale condotta può essere equiparata ad una forma di violenza fisica che si potrebbe definire quasi “virtuale” avendo il terzo concluso il contratto senza la reale volontà della parte ma utilizzandone le credenziali identificative e, quindi, rendendo formalmente riconducibile a questa la dichiarazione esterna di volontà. (Emma Archiutti) (riproduzione riservata)


Segnalazione della Dott.ssa Emma Archiutti



Il testo integrale