Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22569 - pubb. 24/10/2019

Sull’applicabilità dell’art. 67, c. 1, n. 2), l.f.: l’anormalità del pagamento eseguito dal terzo

Tribunale Brescia, 10 Settembre 2019. Est. Franchioni.


Fallimento – Azione revocatoria fallimentare – Mezzi normali di pagamento – Operazioni anomale – Applicabilità



I pagamenti eseguiti da una terza società, interposta dalla fallita nei rapporti con i propri creditori e debitori, sono revocabili ai sensi dell’art. 67, c. 1, n.2), l.f. quando sia dimostrato che tali pagamenti siano stati eseguiti mediante denaro della fallita, fatto salvo che la revocanda fornisca la prova dell’inscientia decoctionis. (Chiara Pedrini) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione dell'Avv. Chiara Pedrini


Il testo integrale