Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 27503 - pubb. 17/06/2022

Il commissario (o il curatore) ha l’onere di proseguire il giudizio di impugnazione del lodo arbitrale?

Cassazione civile, sez. I, 16 Maggio 2022, n. 15612. Pres. Campanile. Est. Reggiani.


Amministrazione straordinaria – Giudizio arbitrale – Impugnazione – Effetti nei confronti del fallimento



La sentenza con la quale, in primo grado, viene accertata o esclusa l’esistenza di un credito nei confronti di un imprenditore insolvente, che venga posto, successivamente alla pubblicazione della sentenza, in amministrazione straordinaria, è opponibile alla procedura concorsuale e, pertanto, il commissario o, in caso di rigetto, il creditore che voglia ottenerne la riforma è tenuto ad appellarla nelle forme ordinarie, secondo la previsione dell'art. 96, comma 2, n. 3), l.fall., applicabile anche all'amministrazione straordinaria, in virtù di quanto previsto dall'art. 53 d.lgs. n. 270 del 1999.

Il disposto dell’art. 96, comma 2, n. 3), l.fall. contiene, infatti, una deroga al principio generale fissato dall'art. 52 l.fall. e alla vis attractiva della procedura concorsuale, onerando il curatore (o il commissario, in caso di amissione alla procedura di amministrazione straordinaria) di proporre o proseguire il giudizio di impugnazione avverso la sentenza pronunziata prima della dichiarazione di fallimento (o di insolvenza), e non ancora passata in giudicato, che accerti l'esistenza di un credito nei confronti del fallito o (dell’insolvente).

Alle stesse conclusioni deve pervenirsi nel caso in cui il fallimento o la dichiarazione di insolvenza (cui va assimilata, per i motivi sopra evidenziati, l’ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria) sopravvengano nel corso del giudizio di impugnazione del lodo arbitrale, tenuto conto che si tratta di un vero e proprio giudizio di appello, riferito a quello svoltosi dinanzi agli arbitri, che deve, pertanto, proseguire davanti al giudice naturale dell'impugnazione. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale